Tartufai Lariani

Libro - La Nobilta della Citta di COMO pubblicato nel 1569

 

 

 

16 LIBRO PRIMO

d'altra acqua tanto fredda , che amazza i pesci vivi , et conferma la State i morti , che non puzzino . E se bene anchor questa da gli habitatori vien chiamata sotto nome di Fiume Latte ; nondimeno,  oltra che l'acqua non è cosi bianca ; ha questo di più , che mai per qual si voglia calda e secca stagione questa vena non iscema punto , ne mai per qual si voglia grossa e continua pioggia cresce : ma d'ogni tempo dell'anno corre con egual copia e quantità d'acque . "Non molto lungi da questa alla medesima riva e a Olcio una cava di quella splendissima e superba pietra nera, che noi chiamiamo di paragone : la quale è nobile per le magnifiche sepolture, e per le colonne lucide e quasi trasparenti: onde m'induco io a creder co'l Merula, che questo sia quel marmo Laconico , chiamato speculare , e dagli antichi Romani detto Luculleo . Cavasi poi il marmo bianco presso la terra di Musso , pure alla riva dello stesso Lago : e di questo vediamo in Como fabricarsi tutto il giorno la nobilissima superba chiesa del Domo , dedicata alla Vergine Madre : la qual Chiesa e per la bellezza di questi marmi,e per l'eccellenza dell' architettura è mirabile al par d'ognialtra . Trovansi in piu' luoghi sopra i monti di questo lago, tartufi di smisurata grossezza; commendati  " menzionati " ( come diro' nel secondo libro ) da Santo Ambrogio in una Epistola a San Fedele Vescovo di Como .  : e poco sopra 'Bellizona con molta fatica si cava da un fragil masso di pietra la gioia Giacinto , gran quantità di Carbonchi , in tal maniera disposti, che paiono steelle risplendenti . il primo che questa gioia discopreisse fù Bramantio il vecchio , huomo di singolare e assoluto ingegno , al tempo di Galeazzo Sforza Duca di ^Milano : e ciò per sodisfare


 

124 LIBRO SECONDO

scientie , nelle quali in questi suoi verdi anni e consumatissimo ; onde per ciò sostentate in "Bologna honoratissimamente conclusioni volfero eleggerlo publico lettor di quello fioritissimo studio; ma anchora alle dignità ecclesiastiche, in modo che se alcuno per rispetto della dottrina , e della vita esemplare è degno desser promosso a gradi maggiori ; egli veramente ne è digmssimo . Hanno questi Signori V isdomimi in Varena oltra l'habitationi un bel giardino sopra'l Lago , adorno di cosi vaghe piante di melaranci , ch'è uno stupore a vederle . E' ancho in questa terra la famiglia degli Scotti assai honorata : la qual nega discesa da gl'Isolani, tirando più da alto l'orign sua . Su per li monti che soprastano Varenna si cavano tartufi di singolar bonta'et grossezza :de quali n'ho io veramente pesato alcuno di sette, e otto once; et son neri et molto giocondi al gusto . Trovo che di questa qualita' di tartufi cosi belli e grossi fa menzione Santo Ambrogio in una sua epistola a San Fedele Vescovo di Como con parole di questo tenore " m'havete mandato i tartufi , et certo di cosi meravigliosa grossezza ,ch'e' uno stupore. Per esser cosi grandi; io non gli ho voluti ( come si dice)  tener nascosti in seno: ma piuttosto mostrarli ad altri . Perche parte n'ho mandata a gli amici et parte salvata per me "  Ma i sassi , che sonono intorno a Varena, con leggier piegatura aprono un molto dilettevol seno. dove è un monasterio di monache , hora dishabitato : e poi il fiume Latte , che a certi tempi nasce e manca . Sbocca questo alla primavera di mezo a' monti da certa grande occolta grot- ta ,per una buca molto simile a una gran finestra , tutto spu- moso ; e però a vederlo di color di latte . Manca poi tutto alla

 

 

 

ShinyStat

 
Google+